Matera, 2/4/16 – Elite K1 cat. -75 kg.

Samed Memaj purtroppo non riesce a portare a casa il Torneo Elite FIKBMS veramente per poco…dopo 3 match (da PRO) non riesce a dare la zampata finale, dobbiamo accontentarci del 2 posto!
Però 2 parole le devo spendere.
– in qualche modo questo giovane ragazzo di soli 22 anni riesce sempre a stupirmi !
Dopo l’ultimo match di Ottobre decide di fermarsi qualche tempo, fino alla nascita della sua bimba “ZOE” questo accade circa 50gg fà , Sam in questi 4 mesi prende quasi 10 kili.
Solo 40gg fà gli dico, che avrebbe il torneo Elite nei 75kg, Sam mi dice ” Si lo Faccio ”
Riesce a perdere 10kg in poco più di 1 mese, durante la preparazione si frattura il naso, questo accade 18 gg fà, ma non molla, ok andiamo avanti…nelle ultime 3 settimane allenamenti senza sparring praticamente.
Arriviamo al torneo, il giorno del match e quindi del peso avevamo ancora qualche grammo(+1,5kg) per rientrare in categoria….e quindi allenamento in camera dall’hotel per +di 1h, raggiungiamo il peso alle 12, la sera stessa era sul ring per un torneo veramente duro.
Ieri sera Sam affronta il primo primo match , contro un forte atleta marocchino ma vince facilmente, poco dopo incontriamo un bravissimo e altissimo atleta di Omar Vergallo, Sam non trova facilmente le misure con il mancino Rizzi, non sò come con un colpo di ginocchio colpisce lo zigomo dell’avversario…a parte il gonfiore dell’occhio dello sfortunato Rizzi, il match và avanti in modo equilibrato ma Rizzi porta a casa giustamente la vittoria…scendiamo dal ring arrabbiati e delusi…10 minuti dopo ci dicono che Rizzi aveva lo zigomo rotto, non poteva continuare, Samed viene rimesso nel Torneo e quindi riparte la carica adrenalinica per poter affrontare la finale contro un buon atleta di Napoli.
Sam non era apposto oltre i dolori e piccoli infortuni, sembrava scarico,
ma ci prova, prima di salire io e lui eravamo una persona sola….” non mollarmi Sam, gli gridavo non mollarmi ” …purtroppo quelle poche volte che l’ha fatto, hanno permesso all’avversario di portare a casa la vittoria.
Io, visto le difficoltà non pensavo neanche potesse fare tutto questo, tra la frattura fresca al naso, il gran calo di peso che l’ha debilitato, insomma 3 match in 4 ore non è per tutti.
Sam scende dal ring tra gli applausi per il gran cuore che ha avuto, ora lavoreremo per essere i N1 .
Grazie mille Samed