Il “Team Marceddu” quando è nato?
Chi e stato il primo Atleta a esordire con me all’angolo?
Perché è nato questo Team?

Il Team è nato nel 2001, quando mi sono trasferito da Torino a Firenze. Iniziai ad insegnare alla storica palestra “Samurai Club”; qui è cominciata sia la mia esperienza da insegnante che quella da coach, anche se, a dir il vero, già quando vivevo a Torino avevo fatto esperienza da allenatore qualche ora la settimana. Il vero e proprio gruppo agonistico, il “Team Marceddu”, insomma, si è formato qui a Firenze inserendo anche qualche mio ex allievo Torinese.

Il primo atleta tra tutti è stato Marco Cappelli, “Marchino”, era giovanissimo, lo portai subito in trasferta a Torino, dove all’epoca avevo i miei contatti , vivendoci e avendo praticato lì per anni. In seguito si sono uniti Flavio Ferraioli e Marco Pieropan, tutti e due facenti parte del gruppo di Torino. Inizialmente mi muovevo con questi 2/3 ragazzi. Il Team ha poi subito una battuta di arresto, principalmente per problemi logistici legati al cambiamento di palestra che ha richiesto del tempo per ricreare un nuovo gruppo affiatato e appassionato alla disciplina. Nel 2003 siamo riusciti a ripartire con qualche nuovo ragazzo; per quanto rigurda il “light contact”: Damiano Marinari, Antonia De Mare, Andrea Uscelli, Giuseppe Fiorentino ed altri, per il “contatto pieno”, invece, ero riuscito a portare da Empoli il bravissimo Ramadhani Jaziz, che si allenava in una palestra nella quale avevo lavorato per due anni. Insieme siamo riusciti a farlo diventare atleta 1° serie e Professionista.

Sempre da Empoli si unirono al gruppo, in seguito, due nuove leve: Ronald e Alessandro e con i nuovi arrivi Manuel Quartoni, Matteo Vernuccio ed Emanuele Ciri, intorno al 2005/2006 cominciai ad avere un gruppo agonistico di rispetto. In prima fila c’era ovviamente il più esperto, Jaziz, che, per un paio d’anni, è stato forse il 70 kg più competitivo d’Italia, almeno tra i 1° serie. E’ stato mio compagno di Maglia Azzurra per un paio di trasferte Internazionali. A seguire c’era il trio Manuel, Emanuele e Matteino… da qui è partito tutto, cominciavo ad avere sempre più agonisti e sempre più impegni nei palazzetti.

Sono orgoglioso di constatare che l’elenco degli agonisti è lungo, in questi ultimi anni il Team è cresciuto molto. Abbiamo, purtroppo perso qualche atleta che ha smesso…ma questo fa parte del gioco, gli sport da ring impegnano molto, oltre che fisicamente, anche mentalmente. Anche se siamo una squadra giovane, cominciamo ad essere tanti e competitivi, la cosa più bella e vedere un gruppo unito che trascina le nuove leve nel provare fino in fondo la disciplina, questo fa crescere il Team come numeri e qualità. Ovviamente abbiamo avuto e avremo ancora “gli agonisti per caso” come li chiamo io….ragazzi che vogliono provare l’adrenalina del Ring anche solo per una volta ed è giusto dargli la possibilità, allenarli al meglio e fargli provare l’esperienza.

Il Team è nato quasi da solo, i ragazzi si sono appassionati, si sono impegnati e tutto va così come una ruota che gira, dare e avere: loro si propongono per provare a combattere ed io li aiuto a prepararsi e affrontare la GARA.

Nel dicembre 2007 è nato il torneo in palestra Botte di Natale, un bel successo,  ormai un appuntamento fisso ogni anno prima di Natale, da questo torneino sono nati degli agonisti che oggi gareggiano regolarmente, per qualcun altro invece è la gara, l’unica competizione che interessa. C’è chi si allena per questo obiettivo ed è questo che gli dà soddisfazione ed io sono contento.

 

Istruttori

Stefano Nardi, Francesca Coli, Marco Bravi, Della Corte David, Emanuele Ciri.